L'universo


Da sempre scienziati, religioni e filosofie di tutto il mondo si sono poste le domande sull'origine e sulla costituzione dell'universo; sono nate molte scuole di pensiero che hanno esposto innumerevoli e diversi punti di vista simili e contrastanti tra di loro. Nonostante il tentativo di cercare risposte credibili, l'universo rimarrà sempre un mistero. Il Jainismo non crede che ci sia un Dio che abbia creato l'universo (loka) e quest’ultimo sia un illusione come affermano alcune filosofie, afferma invece che è reale, eterno, ed è sempre esistito, al di fuori di esso c'è il vuoto (aloka). E' governato da forze naturali del cosmo nel quale non esiste alcuna separazione; i pianeti, le galassie, tutti gli esseri viventi e ogni forma di vita sono collegati tra di loro come gli intrecci di un tappeto, che uniti, formano una trama. L'universo e' una struttura cosmica che funziona per relazione reciproca e collettiva, ognuno agevola l'esistenza dell'altro.

 

E' costituito da sei essenze:

 

Anima- Jivas: infiniti esseri viventi che hanno una coscienza e conoscenza di diverso grado e ordine

 

Non anima - Ajiva: esseri non viventi che non hanno coscienza e conoscenza e sono suddivisi in sei entità:

 

Pudgal: materia

 

Dharmastikay: mobile (aiuta a camminare)

 

Adharmastikay: immobile (dà riposo, aiuta a sopportare)

 

Akashtikay: spazio

 

Kal: tempo

 

Queste sei entità universali esprimono aspetti tangibili della realtà, hanno ognuna delle qualità distinte e sono soggette ad innumerevoli cambiamenti, sono tutte presenti nello stesso spazio e pur essendo fuse tra di loro mantengono ognuna la propria identità e natura, sono auto esistenti ed esisteranno per sempre. L'universo si auto sostiene all'interno dello spazio infinito, la sua realtà è in continua modificazione, tutti gli oggetti del mondo sono transitori, tutti gli esseri viventi passano attraverso un processo di tre fasi:

  1. Origine - Utpada

  2. Distruzione - Vyaya

  3. Permanenza - Dhrauvya

In realtà potremmo meglio dire che durante ogni modifica nulla va perduto o distrutto, tutto si trasforma da uno stato all'altro. Pe fare un esempio , l'oro può essere fuso e passare dallo stato liquido a quello solido e può acquisire molte forme diverse come un anello, una collana, un bracciale ,ma la sostanza di cui è composto rimane sempre la stessa; così l'anima, nel corso della sua esistenza è soggetta ad innumerevoli mutamenti come nascita, giovinezza e vecchiaia, anche i suoi sentimenti di rabbia, attaccamento, violenza appaiono e scompaiono, così la ricchezza materiale, le relazioni, la salute, la malattia, la morte fisica ecc. sono tutte transitorie, nascono e periscono, per cui la forma di un'entità è impermanente, ma la sua essenza spirituale è immutabile e indistruttibile, pertanto l'anima non può mai permanere a lungo nella sua 'non vera natura' e tenderà sempre verso la luce, la purezza, il miglioramento di se stessa.

 

L'universo è formato da 4 piani di esistenza popolati da esseri viventi con diversa forma fisica e stato di percezione. Il primo si chiama Narakas che significa 'nessuna luce, buio della sofferenza e ignoranza' dove vivono esseri infernali tormentati chiamati Narakis il cui karma è talmente negativo che non può essere estinto nel mondo umano. Sono esseri che hanno ucciso o causato dolore con intensa passione, che avevano attaccamento eccessivo alle cose e ai piaceri mondani e che hanno costantemente indulgiato in atti crudeli e violenti. Sono luoghi temporanei di punizione (Dand) dove l'anima porta i frutti di equilibrio del suo karma precedente (azioni del corpo, della parola e della mente) e sperimenta diversi tipi di sofferenze. La durata del soggiorno nel Narakak non è eterna, anche se di solito è molto lunga misurata in miliardi di anni. Dopo una nascita in un inferno, nella prossima vita non potrà mai ritornarci, ma nascerà in un altro mondo superiore. In realtà ci sono sette livelli di Narkas e vi sono solo esseri malvagi. Il secondo piano si chiama Tiryanca e ci sono le anime che vivono all'interno di un corpo di terra, di aria, di fuoco, di acqua, di pianta e animale. Il terzo stato è Manusya, l'anima incarna il corpo di essere umano. Il quarto stato si chiama Deva ed è la dimora delle anime celesti chiamate Narakpal Devs che per le buone azioni compiute vivono una vita felice, hanno uno stato di coscienza superiore ma soggette sempre a rinascita. Le anime nell'universo sono infinite, non diminuiscono, nè crescono, il fatto che il numero degli esseri umani aumenta, è perchè probabilmente ci sono più rinascite nel mondo umano. Quando l'anima attraversa tutti e 4 i mondi distrugge tutto il karma e giunge al più alto stato di purezza, si libera da tutte le forme esistenziali e giunge al livello supremo dell'universo che si chiama Siddhashila.

 

L'anima è coestensiva alla cognizione, la cognizione è coestensiva a ciò che c'è da conoscere, loka e aloka sono conoscibili: perciò la cognizione pervade tutto” Saman Suttam 648